Rapina da Ristrò: trovate pistola, proiettili e refurtiva. Nei guai 41enne di via Santa Maria degli Angeli




CERVINO. La Polizia di Stato di Caserta ha denunciato A.G., 41enne, con precedenti di polizia, gravemente indiziato di rapina, detenzione abusiva di arma da fuoco e ricettazione, in concorso, e’ residente in via Santa Maria degli angeli, in adiacenza del ristorante.

Gli agenti del Commissariato di P.S. di Maddaloni durante la scorsa notte sono intervenuti a Cervino ove, all’ interno del  ristorante Ristrò, era stata consumata una rapina.  Due uomini con il volto travisato da passamontagna,  di cui uno armato di pistola, dopo aver fatto irruzione nel locale, si erano fatti consegnare l’ incasso dal titolare, derubando al contempo tutti gli avventori (Uno era straniero ed il palo sulla porta del posto).

Durante la rapina, il  malvivente armato aveva esploso  due colpi in direzione del soffitto.

Giunti immediatamente sul posto, gli agenti del Commissariato, unitamente ad una pattuglia dei Carabinieri, hanno avviato le indagini per individuare gli autori. E’ stato utilizzato il sistema ‘Trova il mio i Phone’.

L'articolo continua


_______Guarda il Video _________

A seguito di un accurato controllo, sia  all’ interno che all’ esterno del locale, è stato localizzato, in una stradina poco distante dal locale, nei pressi dell’abitazione di A.G.., uno dei telefoni cellulari rapinato ad un avventore, nonché parte della somma sottratta al titolare ed ai clienti del ristorante e una pistola Beretta con matricola abrasa completa di caricatore con 10 cartucce. Nella campagna ubicata a ridosso dell’ abitazione di G.A., i poliziotti hanno rinvenuto tre telefoni cellulari ed una valigetta contente  90 proiettili di vario calibro.

Nel corso di una perquisizione  A.G.. è stato trovato in possesso di 270,00 euro, suddivisi in banconote di vario taglio, che  custodiva nelle tasca dei pantaloni di una tuta che indossava sotto un altro pantalone.

Il denaro, la pistola, le munizioni e tutto quanto rinvenuto, sono stati sequestrati mentre  continuano le indagini per fare piena luce sull’ episodio criminoso e sugli autori.

Condividi