Finanza in azione, maxi sequestro di carburante


CASERTA. La Guardia di Finanza di Caserta, nell’ambito dell’attività di controllo economico del territorio, nella giornata di ieri ha portato a termine un’operazione di servizio a tutela della sicurezza degli impianti di distribuzione di prodotti petroliferi e di contrasto al traffico illecito di carburante, sottoponendo a sequestro un distributore munito di 2 colonnine e di 3 serbatoi della capienza complessiva di circa 30.000 litri. In particolare i militari della Compagnia di Caserta, in località Roccaromana (CE), hanno fatto accesso presso un’azienda di trasporto di merci su strada dove da tempo erano stati notati movimenti sospetti di cisterne di carburante.

All’interno della vasta area adibita a parcheggio vi era un impianto di distribuzione di carburante, presumibilmente utilizzato per il rifornimento dei mezzi della società, sul quale i militari hanno proceduto ad effettuare approfonditi controlli finalizzati a verificare la regolarità dell’installazione. L’impianto era costituito da due serbatoi interrati dalla capienza di 10.000 litri ciascuno, una cisterna aerea dalla capienza di 9.000 litri, 2 colonnine munite di pistola erogatrice e contalitri nonché di un elettropompa per il carico del carburante dalle cisterne.

L'articolo continua



_______Guarda il Video _________

Dall’analisi della documentazione relativa alla sicurezza dell’impianto i Finanzieri hanno accertato gravi difformità tra quanto indicato nel Certificato di Prevenzione Incendi e la realizzazione delle attrezzature e dei serbatoi, rilevando che l’impianto non era dunque conforme alla normativa sulla sicurezza ed antincendio, anche perché all’interno delle cisterne erano stoccati oltre circa 1.000 litri di prodotto petrolifero di tipo gasolio. Peraltro durante la ricognizione dell’intera area e di un capannone sito nel terreno adiacente alla società di trasporti, i Finanzieri hanno rinvenuto 19 cisterne dalla capienza di 1.000 lt che contenevano tracce di gasolio per uso agricolo, il cui possesso ed utilizzo è ingiustificato per una società esercente attività di trasporto merci su strada. Si sospetta infatti che tale prodotto, acquistato ad un prezzo inferiore rispetto al gasolio per autotrazione in quanto ad accisa agevolata, sia stato utilizzato nel corso del tempo da parte della citata società.

Al termine delle operazioni di servizio, i militari della Guardia di Finanza hanno proceduto al sequestro dell’intero impianto e delle cisterne rinvenute segnalando all’Autorità Giudiziaria i due soggetti responsabili per sottrazione all’accertamento dell’imposta sui prodotti petroliferi, omessa richiesta del certificato di prevenzione incendi e omessa denuncia di detenzione di materie esplodenti.

LE FOTO



Condividi