Ucciso dall’amico con un colpo di pistola: era campione di calcio balilla



VITULAZIO. Un paese sconvolto per quanto è accaduto al 36enne Davide Aurilio, ragazzo di Vitulazio, guardia giurata uccisa per errore questa mattina alle 8 a Roma al Prenestino, via degli Elci.

E’ stato raggiunto da un colpo di arma da fuoco sparato, sembra per errore, da un altro vigilante.

I due erano colleghi, lavoravano per l’istituto di vigilanza MC Security, e dividevano con una terza persona un appartamento in via degli Elci 28, al Prenestino. Questa mattina, poco prima delle ore 8, al 23enne Giovanni Gagliardi, di origini salernitane, è partito un colpo di pistola mentre stava controllando la sua arma (una semiautomatica calibro 45 modello Norconia) che ha colpito all’altezza della spalla il collega, il 36enne di Vitulazio Davide Aurilio che da parte di madre ha origine belga David Rafael Hombucher, ma ha acquisito il cognome del patrigno.

l'articolo continua



Davide Aurilio

Gagliardi ha subito chiamato il 118, ma all’arrivo dei sanitari Hombucher era già morto. Alla polizia ha raccontato che la pistola ha sparato accidentalmente per errore. Il terzo inquilino non era presente. La polizia scientifica e la squadra mobile indagano per verificare l’esatta dinamica dei fatti.

I genitori di Davide, bravissime persone, gestiscono un negozio di articoli sportivi a Vitulazio.

Il 36enne era conosciuto nel Casertano per essere un campione di calcio balilla. Faceva tornei UISP in tutta Italia e spesso era ospite di circoli casertani, i cui soci lo invitavano proprio per la sua grande competitività.

Lo vogliamo ricordare così con una partita di calcio balilla al fianco degli amici casertani.

 

 

_______Guarda il Video _________
Condividi