Acerra, indagine sul voto di domenica. Caso in Parlamento



ACERRA. C’è una denuncia sul voto di domenica, quello che ha portato alla riconferma del sindaco Raffaele Lettieri. A renderlo noto è il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, peraltro presente ad Acerra durante la campagna elettorale accanto alla candidata del Movimento 5 Stelle Carmela Auriemma, che sarà la prima ‘grillina’ della storia a sedere in consiglio.

“Da oltre un anno denunciamo situazioni di illegalità e voto di scambio nel comune di Acerra. Nonostante questo, negli ultimi giorni si moltiplicano le segnalazioni di illegalità varie e compravendita di voti in occasione delle elezioni amministrative di domenica scorsa. Il ministro dell’Interno Minniti deve intervenire per fermare questa vergogna indegna di un Paese democratico.  Per questo ieri ho presentato un’interrogazione parlamentare” ha fatto sapere Di Maio dal suo profilo social.

ECCO IL TESTO COMPLETO DELL’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

LUIGI DI MAIO. — Al Ministro dell’interno . — Per sapere – premesso che:
l’interrogante negli ultimi mesi ha depositato tre interrogazioni (n. 4-13382 del 7 giugno 2016, n. 4-13766 del 12 luglio 2016 e n. 4-15307 del 20 gennaio 2017 alle quali non è mai stata data risposta) sulla gravissima situazione venutasi a determinare nel comune di Acerra, con riferimento a presunte situazioni di voto di scambio;
negli ultimi giorni, in occasione delle recenti elezioni amministrative dell’11 giugno 2017, si stanno diffondendo notizie di nuove analoghe situazioni;
secondo quanto si apprende da fonti di stampa, in un caso sarebbe stata recapitata ad un colonnello della guardia di finanza una registrazione ambientale contenente il racconto di un presunto episodio di voto di scambio;

così come riportato anche dalla stampa, alcuni esponenti locali del MoVimento 5 Stelle hanno depositato presso i carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna una denuncia al fine di segnalare alle autorità competenti analoghi episodi. In tale denuncia, si farebbe riferimento, tra le altre cose, ad una vera e propria compravendita dei voti per cifre che variano tra i venti e i cinquanta euro e per le buste della spesa regalate ad alcune famiglie di potenziali elettori;
secondo quanto si apprende da fonti di stampa, nel comune di Acerra oltre 20 presidenti di seggio elettorale su 56 avrebbero rinunciato all’incarico, ad ulteriore dimostrazione del clima di tensione nel quale si sono svolte queste elezioni amministrative nel comune in questione. Peraltro, sempre secondo quanto si apprende da fonti di stampa, le sostituzioni di tali presidenti disposte – secondo quanto previsto dalla legge – dal sindaco uscente e ricandidato sarebbero alquanto sospette, dal momento che tra i nuovi nominati vi sarebbero una stagista del municipio e il padre di una candidata;

l'articolo continua



inoltre, sempre secondo quanto riportato da fonti di stampa, nella giornata delle votazioni ad Acerra due elettori (uno nel rione Madonnella e l’altro nel quartiere Spiniello) sarebbero stati denunciati per aver fotografato con il telefono cellulare la scheda votata: il voto era stato espresso in entrambe i casi per la stessa coalizione;
è veramente sconcertante come — nonostante le reiterate interrogazioni parlamentari, le denunce presentate alle forze dell’ordine e all’autorità giudiziaria da parte di esponenti del MoVimento 5 Stelle e le inchieste giornalistiche contenenti documentazioni audio-video nelle quali si fa esplicitamente riferimento a fenomeni di voto di scambio – ancora non si sia ripristinata la legalità nel territorio comunale di Acerra e come anche su queste elezioni amministrative si allunghi l’inquietante ombra della compravendita dei voti per quello che si configura come un vero e proprio disastro annunciato –:
se il Ministro interrogato sia a conoscenza delle situazioni illustrate in premessa e quali siano i suoi orientamenti in merito;

quali iniziative intenda assumere con la massima urgenza il Ministro interrogato, per quanto di competenza, al fine di ripristinare la legalità nel territorio del comune di Acerra;
se il Ministro interrogato abbia assunto o ritenga di assumere le iniziative di competenza, ai sensi degli articoli 141 e seguenti del testo unico degli enti locali.”.

LEGGI LE ANTICIPAZIONI DI EDIZIONE CASERTA

VOTO AVVELENATO, IN PROCURA 6 NOMI

VOTO E TENSIONI, TUTTI I CASI DELLA DOMENICA ALLE URNE

 

_______Guarda il Video _________
Condividi