Torna in carcere Luigi D’Onofrio ‘o mangiavatt


SAN FELICE A CANCELLO. Cambia la misura per il 49enne Luigi D’Onofrio della famiglia dei mangiavatt.

Il suddetto era agli arresti domiciliari,ma a causa di una serie reiterata di violazioni, il trubunale ha disposto la detenzione in carcere. Infatti da qualche giorno il pregiudicato di Piedarienzo si trova in carcere a Santa Maria.

Per lui era arrivata la sentenza il primo giugno scorso per i fatti dell’otto maggio 2017.

Fu protagonista di un rocambolesco arresto da parte dei carabinieri della locale stazione, ed un militare rimase anche ferito.

L'articolo continua



_______Guarda il Video _________

A bordo della sua Matiz, non coperta a livello amministrativo, veniva fermato dai carabinieri dopo aver imboccato via Basilicata.

All’alt dei militari il D’Onofrio si fermava, poi non appena il carabiniere si è avvicinato per chiedergli i documenti effettuava una brusca retromarcia, colpendo con lo specchietto il militare. Successivamente i carabinieri si ponevano al suo inseguimento e lui con una manovra speronava la gazzella dalla parte della fiancata. Da qui veniva tratto in arresto dopo un passaggio in ospedale.

Dopo la requisitoria fu condannato a due anni che stava scontando ai domiciliari fino all’altro giorno e al pagamento delle spese processuali.



Condividi